3 possibili scenari per Milan – Inter

Settembre 21, 2019

La vita di uno sportivo, si sa, è fatta di tanti scontri. Il calcio, in questo senso, non fa eccezione.
Ci sono partite che sono semplice parte del percorso che si sta affrontando per raggiungere il proprio obiettivo, altri sono invece snodi cruciali da affrontare con la massima determinazione per raggiungere la vittoria.

Esiste però un ristretto numero di partite che riescono quasi a trascendere le condizioni spazio-temporali: perché non importa in quale momento dell’anno si giochi, non importa chi sia più in forma o chi abbia la squadra più forte; quando Inter e Milan si scontrano, conta solo vincere.

Cari amici di Ranocchiate, è arrivato il momento del Derby di Milano.
Vi dico una cosa: se fossi un milanista, cambierei squadra.
No vabbè, seriamente, fossi in loro oggi ci spererei davvero: una vittoria nel derby darebbe la giusta fiducia per macinare punti in futuro.
Che è esattamente il motivo per cui un rewind dell’anno del Triplete sarebbe cosa buona e giusta.

Ah, i nostri cuGGini BBilanisti. Che tipi strani. Una volta nei dibattiti calcistici li riconoscevi perché erano quelli che ripetevano sempre le stesse 7 parole: “Eh, ma noi abbiamo vinto 7 Champions”, in pratica “il Triplete ce l’abbiamo solo noi” versione 2008. Ora li si sente soltanto dire qualche stronzata random del tipo “Romagnoli è più forte di Skriniar!1!1” e poco più. Che se noi ce la siamo passata male in questi anni, non oso pensare come stanno messi loro.

Però ci crederanno molto, noi dobbiamo crederci più di loro.

Prima di indossare i panni del veggente per i nostri 3 possibili scenari di questa sera, ho notato che il secondo scenario della scorsa partita (Inter Slavia 0-1, ndr) ha inquietato molti di voi. Sembra fosse piaciuto anche i nostri, ma hanno deciso di improvvisare un finale più ottimistico all’ultimo. Meglio di nulla.

Vedo…

SCENARIO 1: Milan – Inter 0-0
L’ipotesi peggiore è la sconfitta? Certo, ma un pareggio a reti inviolate viene subito dopo. Perché dopo tutta l’ansia che accumuliamo prima del derby, vederlo diventare una Royal Rumble stile wrestling giocata tutta a centrocampo porterebbe alla blasfemia più di un tifoso. Non voglio nemmeno raccontarvelo questo scenario, recuperate dalla memoria qualche ricordo dei derby di Milano del…2014, per dire.

SCENARIO 2: Inter – Milan 2 – 2
Da un estremo all’altro, come piace a me e come piace a noi.
I nostri arrivano determinati al match, ma il Milan sfodera la sua arma segreta più potente in vista della partita: il culo.
Calcio di punizione dai 30 metri, batte Suso: la palla colpisce il palo e rimbalza sul corpo di Kessie finendo in rete. 1-0 per loro.
E’ qui che entra il gioco il Toro: lotta, recupera palla e viene contenuto a fatica dalla retroguardia rossonera, ma non supera in dribbling Romagnoli, il Van Dijk de no altri; bene che a Lautaro frega poco di Romagnoli e fa l’1-1 su cross al bacio di Danilone.
Si lotta parecchio a centrocampo, il Milan prende campo e Brozo si fa espellere per doppia ammonizione. Poi però la magia.
Calcio d’angolo dalla sinistra battuto da Sensi, De Vrij va a botta sicura ma c’è il miracolo di Donnarumma, la palla arriva all’uomo del destino, DANILO D’AMBROSIO CHE SEGNA IL 2-1. Esplode San Siro.

DANILO CHE GALVANIZZA LA GGENTE

10′ più recupero al termine, il Milan non ci sta: attacca a pieno organico, si difendono a fatica i nostri.
Piatek prova il filtrante, la palla colpisce il braccio largo di Sensinho: soliti 5 minuti di VAR, è rigore: il polacco non sbaglia.
I nostri sfiorano il 3-2 con Sanchez, ma la palla esce di pochissimo. Finisce 2-2. A fine partita uno strano episodio: tutte e 4 le gomme dell’arbitro sono state forate. Chissà chi potrebbe essere stato…

La disperazione di Brozovic per le gomme bucate

SCENARIO 3: Milan – Inter 1-2

Che poi sarebbe lo scenario più realistico, sulla carta.
Talmente tanto logico e razionale come risultato, che se il Dio del Calcio fosse senza idee e volesse prendere spunto, ne sarei più che felice.
Un Milan che ci prova e riesce anche a segnare con Suso, ma un Inter matura ed in controllo segna con Sensi e Lautaro e porta a casa la vittoria.
AHAHAHAHAHAHH INTER MATURA ED IN CONTROLLO NON ACCADRA’ MAI.

Scenario bonus: Milan – Inter 1-0
Dicevo, è la sconfitta l’ipotesi peggiore: si, ma per essere più precisi l’ipotesi peggiore è la sconfitta con gol orribile (rimpallo o rigore inesistente, ndr) e decisivo negli ultimi minuti. Uno di quelli che ti fa venire voglia di uccidere il primo milanista che ti capiterà davanti domattina.

 

Studio Psicologia, ma all'occorrenza mi improvviso scrittore o video editor: vivo la vita con lo spirito di chi si aspetta l'inaspettato per non avere sorprese ma poi rimane comunque fregato. E già questo spiega perché tifo Inter, ma se non bastasse aggiungo che uno dei miei giocatori preferiti di sempre è Buruk Okan. Costanza, serietà e determinazione sono solo 3 fra i principali pregi che non mi contraddistinguono. Penso che lasciare le cose a metà sia una cosa che