5 buoni motivi per guardare Tottenham – Inter

Novembre 28, 2018

Cari amici di Ranocchiate, siamo entrati in una scia molto importante.

Tottenham, Roma, Juventus, PSV.

Tutte partite importanti, tutte quasi certamente decisive.

E partiamo proprio col Tottenham, la squadra che siamo riusciti inaspettatamente a battere nella prima partita del girone (o, per i più fedeli fra voi, la squadra che ha permesso alla GARRA CHARRUUUUUA di diventare leggenda Adaniana).

Questa sera però si gioca a Wembley, stavolta siamo in terra straniera, e sarà tutta un’altra storia.

Andiamo quindi senza ulteriori indugi ai nostri 5 Ranocchianti buoni motivi per guardare la partita questa sera.

1 – NOTTE STELLATA

Stellata come il celebre simbolo della Champion’s League, ma anche per via dei campioni che giocheranno questa partita.

Facile parlare ad esempio della sfida a distanza fra Icardi e Kane, i due ’93 capaci di piegare qualunque difesa.

O, si potrebbe parlare di un’altra sfida a distanza, come quella fra Lloris (portiere campione del mondo) ed il nostro Batmanovic.

O ancora il ben più appassionante duello fra Son e Danilone.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti.

2 – #MITT

Ecco, questa è una di quelle partite che i romantici innamorati dei Mitt come il sottoscritto adorano.

LA partita che può essere decisa dalla panchina.

Al ruolo di Miglior Attore non protagonista  sono candidati i soliti volti noti, con Keita e Lautaro in vantaggio sugli altri.

La mia personale preferenza, però, questa volta va al Nonno più amato di tutta Milano, Borja: se l’è meritata tutta.

#MITTANONNO!

3 – ICARDATE

Il terzo punto più importante da analizzare credo sia proprio il Fattore Mauro.

Posto che abbiamo capito che tanto lui quanto Kane vanno più volte a segno dell’accoppiata Vieri – Borriello in discoteca, ciò in cui dobbiamo sperare è che il nostro vice-capitano faccia una delle sue Icardate.

L’Icardata, per i meno informati, si rifà alla capacità del nostro numero 9 di diventare decisivo nelle partite più importanti.

Per cui, l’uomo su cui puntare questa sera credo sia senza nessun ombra di dubbio proprio Mauro.

Tanto del risultato finale di questa sera passerà probabilmente dal suo fiuto del gol.

4 – MENTALITA’ VINCENTE

vecino skriniar keita esultano

Il concetto che più ho apprezzato nella conferenza stampa pre-partita è stato quello che speravo prima di una partita del genere.

Ok, possiamo pareggiare e cavarcela, ma bisogna cercare la vittoria come se fossimo noi quelli ad inseguire: andasse altrimenti, la loro fame supererebbe la nostra e finiremmo per essere sconfitti.

Per ora però, questi sono soltanto bei concetti che avranno valore fino all’inizio della partita: poi conterà ciò che vedremo sul campo, ma al di là di tutto mi fa piacere che stia “girando” questo tipo di mentalità nella testa dei nostri e del nostro Mister.

Accontentarsi è una brutta parola in una situazione del genere, ripigliarci tutto quello che è nostro la strada più giusta da seguire.

5 – ROAD TO WANDA

Icardi sa già come seguirla, speriamo lo sappiano fare anche gli altri.

(Ok, è una battutaccia. Ma io l’ho solo detta, siete voi a soffrire leggendola, problemi vostri quindi 😀 )

Studio Psicologia, ma all'occorrenza mi improvviso scrittore o video editor: vivo la vita con lo spirito di chi si aspetta l'inaspettato per non avere sorprese ma poi rimane comunque fregato. E già questo spiega perché tifo Inter, ma se non bastasse aggiungo che uno dei miei giocatori preferiti di sempre è Buruk Okan. Costanza, serietà e determinazione sono solo 3 fra i principali pregi che non mi contraddistinguono. Penso che lasciare le cose a metà sia una cosa che