Bologna-Inter nel tempo di un caffè

Settembre 20, 2017

*PREPARTITA*

Maglia bianca + Pantaloncini neri = SFIGA

Scende una lacrimuccia pensando a Gabigol al Benfica. Ci manchi Gabriel.

Nuovo look per Icardi, che si è fatto pelato per somigliare di più al suo sex symbol preferito, Tommaso Berni.

*FISCHIO D’INIZIO*

– Pronti via e Candreva fa una bella giocata. COSA STA SUCCEDENDO

– Ma Joao Mario la liscia e si mangia un gol. AH OK TUTTO NORMALE

– Non male i rossoblu oggi in versione blaugrana

– Handanovic ci para il culo come al solito

– Handanovic decide di rovinare tutto chiedendosi “Chissà se riesco a colpire quel centrocampista del Bologna con un rinvio”

– Cross sbagliato di Candreva

– Cross sbagliato di Candreva

– Cross sbagliato di Candreva

– Verdi fa il fenomeno. 1-0


Petkovic sovrasta Icardi in una fase di gioco

*INTERVALLO*

“Dai che adesso entra Gabigol e la risolve..ah già”

Sul nostro gruppo concordiamo sul fatto che l’unica soluzione sia sostituire Joao Mario con Eder

*INIZIO SECONDO TEMPO*

-Joao Mario è ancora lì tra improperi vari

-Spalletti decide di fare il cambio, così sembra una decisione sua e non nostra

-Karamoh va a scaldarsi

-Icardi pelato completa la sua metamorfosi in Lampros Choutos

– Corner sbagliato di Candreva

– Corner sbagliato di Candreva

– Corner sbagliato di Candreva

– Corner sbagliato di Candreva

– Corner sbagliato di Candreva

– Momento chiave della partita: Mbaye scivola e inciampa sul laccio dello scarpino sinistro di Eder. Calcio di rigore!

– Icardi si risveglia dal torpore e fa quello che gli riesce meglio, segnare col Var: GOOOOOOOOOL

– Altra lacrimuccia vedendo Rodrigo Palacio

– Karamoh dopo un’ora di riscaldamento viene rimandato a sedersi. DEJAVU

– Entra Brozovic dispensando amore per lo sport e gioia di vivere

– Tentativi blandi e poco convinti di trovare il 2-1, con il presentimento di una fregatura da un momento all’altro

*FISCHIO FINALE*

 

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.