Fiorentina-Inter, il pagellone del cambio canale al 64′

Aprile 22, 2017

Per la prima volta da quando ho memoria, il 22 aprile 2017, ho cambiato canale al minuto di gara numero 64 della sfida di Serie A TIM tra Fiorentina e F.C. Internazionale (Ma siamo sicuri che fosse proprio l’Inter quella? Non c’è una possibilità che fosse il Bisceglie?)

La sofferta decisione è stata presa in seguito a un’azione personale di Kondogbia sulla fascia, seguita da un suo traversone (ma proprio -one) verso l’area di rigore..Del Castellani di Empoli. Nulla di personale contro il Kondo, o forse sì, ma a tutto c’è un limite.

Faccio subito mea culpa. Lo so bene, “Onora lo stemma, onora la maglia, ecc…”
Purtroppo se non lo fanno gli 11 in campo, non vedo perché dovrei essere io a sottrarre tempo ai miei studi, svaghi e interessi.

Ecco comunque quel che è stato per due terzi di partita. (Ho scoperto che è stata addirittura la porzione più tranquilla della partita, poveri noi!)

HANDANOVIC 6.5: Per quel che ho visto se lo merita, nonostante le *hopersoilconto* pere subite, e un rigore generoso di Bernardeschi.
Da amante del calcio è un peccato che un portiere così non giochi una fase finale di Champions League, o almeno i gironi, o almeno i preliminari, o almeno l’Intertoto. A 32 anni è giusto, a malincuore, fare le giuste riflessioni sulla carriera.

D’AMBROSIO 4: Quella trattenuta su Babacar cosa mi rappresenta?

NAGATOMO 4: Il rigore è in gran parte merito suo. Gli arriva un cross, lo rispedisce da dove gli è arrivato anziché allontanarla. Tra l’altro è anche un errore che fa spesso. Via al più presto, grazie.

MEDEL E MIRANDA 4: Purtroppo, o per fortuna, sono andato a prendere da bere durante il primo gol e non ho visto cosa hanno combinato. Voto sulla (s)fiducia.

KONDOGBIA E GAGLIARDINI 4: Che ne è stato di questa super coppia di centrocampo? Non è che dopo l’influsso positivo del Gaglia su Kondogbia, ora gli stia restituendo il favore a modo suo?

JOAO MARIO 6: Non facciamogli dimenticare come si gioca perché, a tratti, i colpi li ha.

CANDREVA 5: L’ho visto che si mangiava il 3-1

PERISIC 7: Non gli va giù di essere venduto e eventualmente rimpiazzato con Bernardeschi

ICARDI 6.5: Accusato di essere il più mercenario, tra tutti sembra il più attaccato alla maglia.

PIOLI 4: Fa un po’ tristezza, è evidente che non ci capisca più niente. Ok la famosa “preparazione estiva di Mancini”, ma per difendere sui calci d’angolo non bisogna correre.

CAMBI: Non li ho visti. Chi è entrato? Eder? Palacio? Biabiany? Di sicuro non Gabriel.

BONUS: Domenica scorsa questi avevano perso con l’Empoli. Bello vero?

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.