FROGNEWS: Brozovic: “Dopo i 5 minuti di Benevento sono a posto per tutto il girone d’andata”

Novembre 14, 2017

Intervistato da Mario Livaja di Radio Croatia Cevapčići, direttamente dal ritiro di Atene e fresco di qualificazione ai mondiali contro la Grecia, Marcelo Brozovic ha rilasciato delle dichiarazioni interessanti sul suo presente interista.

Ciao Marcelo, che sensazioni hai riguardo alla qualificazione ai mondiali?

-Benissimo, ero sicuro di farcela. Essere in Grecia è uno spettacolo, ovunque mi giro c’è cultura da tutte le parti. Mi sono preparato alla partita tra qualche pagina di Aristofane e di Eratostene di Cirene. Posso affermare con sicurezza che faremo bella figura in Russia.

-Non corri il rischio di deconcentrarti? Molti ti accusano di scarso impegno…

-Non direi, semplicemente ho altri hobby oltre al calcio.

-In ritiro si respira un bel clima, come ti trovi col tuo compagno di club Ivan Perisic?

-Non molto bene, a dire il vero. Speravo di avere qualcuno da sfidare a scacchi, ma Ivan è troppo scarso e non ha pazienza. Passa tutto il giorno su quello stupido instagram, con quella pagina demenziale…Ranocchiate o qualcosa del genere. Mi tocca giocare su Skype ai sudoku con Nagatomo.

Marcelo Brozovic impegnato in un simposio filosofico, mentre riflette sullo scibile umano

-E cosa ci dici invece della tua esperienza all’Inter?

-Sto andando bene. Finalmente dopo quella doppietta col Benevento posso rilassarmi un po’. All’Inter sono molto esigenti: secondo loro in ogni partita bisogna correre e giocare bene. Ma per fortuna io ormai li ho abituati così: faccio mezza partita buona e sono a posto per tutto il girone.

-E mister Spalletti? Non hai paura di perdere la sua fiducia?

-Sono tranquillo. Come ho detto ho altri interessi. Ora devo andare, devo tradurre proprio le ultime pagine de “Le Rane”.

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.