Gli scoloriti, parte II

Maggio 4, 2019

Cari amici di Ranocchiate, “sto perdendo un po’ del mio splendore” (cit).
La febbre ha avuto la meglio. Il termometro segna inesorabilmente 37.3.
E devo pure fare lo stereotipo vivente, considerato che c’ho la testa che sembra perennemente alle prove nazionali per le vuvuzele.

Sarà che sono interista fino al sistema immunitario, sarà che in questi giorni tutti i miei anticorpi, come ogni anno, sono un po’ più vulnerabili.

Come se non bastasse, stasera giochiamo contro gli scoloriti II la vendetta, ovvero quell’Udinese che sbaglia tante partite, a patto che non ci sia l’inter a giocare contro.

Quindi, prima che il mio cervello dica stop, facciamo un po’ un riassuntone veloce della situazione.

Abbiamo svelato al mondo il più grande complotto dopo la sostituzione di Paul McCartney: quello che sembra il solito Mauro Icardi, è in realtà brate Maksim.
Sono stati bravissimi nel renderlo identico al buon vecchio Mauro, ma alcuni indizi ci fanno capire qual è la verità: ad esempio “Mauro” da quando è tornato ha segnato un solo gol su rigore.
Poi quelle foto, dai… è evidente ormai.

Come potrebbe Icardi giocare con Perisic e Brozovic senza che almeno una sua macchina bruci?
Dov’è finito il bomber capace di piegare qualunque difesa?
E Spalletti…rimane?

Ah no, quello è un altro punto.

E’ che tengo a confondermi, perché ormai è diventato di diritto il secondo tormentone di questo fine stagione
Viene Conte, no viene Mourinho, anzi Spalletti si fonde con Mourinho formando Lucosè Moulletti che poi si dimetto perché deve litigare con lo specchio.

La verità?
L’Inter sta sondando dei profili, ovviamente. Ci si aspettava un rendimento diverso dai nostri e, tra i valutati, c’è il nostro Lucianone.
E lui? Allena, come farebbe un qualunque professionista: persino Luciano sa che in determinate situazioni la situazione gli è un po’ sfuggita di mano, ma sfido qualunque #Spallettiout a gestire capricci degni di Beautiful senza una guerra nucleare.

Voglio però dire una cosa alla società: BRAVI.
Bravi davvero.
Non per il rinnovo di RANOCCHIAMOREMIO, ma per i continui tentativi che state facendo per avere un’alternativa a D’Ambrosio: seguire un giocatore che si chiama anch’esso Danilo per sfuggire alle macumbe di DD33, è pura poesia.

Per il resto, stando ai miei informatori, questa sera giocherà Lautaro. Per l’ennesima volta, i giornalisti hanno sbagliato la punta.
Luciano…la farai mica apposta?

LA GARRA CHARRUA, con sommo dispiacere di Lele Adani, non sarà della partita: al suo posto pare che giochi il nonno più bello d’Italia, Borja Valero (Nonno friendzonatore: amiamoci dai <3 )

Detto ciò, torno volentieri sotto le coperte fino all’inizio della partita prima di straparlare.

La prossima settimana non sarà come le altre per il sottoscritto: ma questa è un’altra storia.

(scusate ma sognavo da un po’ una frase di uscita del genere)

#IDEMOBRATE

 

Studio Psicologia, ma all'occorrenza mi improvviso scrittore o video editor: vivo la vita con lo spirito di chi si aspetta l'inaspettato per non avere sorprese ma poi rimane comunque fregato. E già questo spiega perché tifo Inter, ma se non bastasse aggiungo che uno dei miei giocatori preferiti di sempre è Buruk Okan. Costanza, serietà e determinazione sono solo 3 fra i principali pregi che non mi contraddistinguono. Penso che lasciare le cose a metà sia una cosa che