Il derby nel tempo di un caffè e l’ennesimo orgasmico gol di Maurito all’ultimo

Ottobre 21, 2018

Primo tempo

 

0’ – Ma quindi quella di Dalbert titolare era una balla? Vai a capire ste leggende metropolitane da stadio.

1’ – Primo controllo palla di Brozovic più malandato dell’alcool con cui ha concluso la serata di ieri in compagnia del Ninja.

3’ – Primo tiro della partita. Ovviamente del nostro vedo-Inter-e-divento-Maradona preferito: Suso.

10’ – Dopo 10 minuti di dominio rossonero e di giropalla di risposta segniamo improvvisamente l’1-0 dopo una serie di lisci incredibili in area.
Ma tranquilli. Ci pensa mamma VAR a chiuderci l’urlo in gola come sempre.

11’ – Ormai ci siamo gasati. CRPoli si scatena in una serie di dribbling che mandano Romagnoli e Rodriguez direttamente dallo psicanalista e a momenti trova il gollonzo (che di solito viene fatto a noi) grazie a un cross basso deviato dalla difesa rossonera.

18’ – BIGLIA SEI UN ASSASSINO E PURE UN PAZZO SUICIDA.
TOCCA ANCORA RADJA E TI ARRIVANO LE BRIGATE RANOCCHIOSE A CASA.

21’ – Perisic! Scalda i guantoni a Donnaruma che però, convinto che alla palla ci sia attaccato l’attestato del suo 60, non si fa sfuggire il pallone.

28’ – COSA FA ASAAAAA.
Tenta il tunnel su Suso, ma anziché uccellarlo si fa uccellare da Suso rischiando di spalancare una prateria verso la porta di Handa.

29’ – Esce Nainggolan, entra il nostro nonno preferito.
BIGLIA GIURO CHE TI ASPETTO SOTTO CASA.

30’ – Non è manco entrato in campo e Nonno Borja è già a terra.
Non fa niente se sei tetraplegico. Noi ti si ama a priori.

33’ – AH LO VEDI CHE SE NON BATTI GLI ANGOLI A DUE QUALCHE PERICOLO LO CREI?!
Cross in mezzo di Versa, serie clamorosa di rimpalli, girata da Ibra&Karate di De Vrij e palla che si stampa sull’incrocio dei pali, come l’urlo nella mia gola.

37’ – Daje raga che li stiamo distruggendo.
Un gol, però, non sarebbe male.
Così, tanto per gradire.

39’ – Altro urlo che si strozza tragicamente in gola dopo una palla G-E-N-I-A-L-E di Borja per Icardi. Miracolo difensivo di Romagnoli che impedisce a Maurito di battere a rete.

42’ – E come al solito dopo un primo tempo di dominio arriva l’inculata sistematica a 3 minuti dalla fin… E INVECE NO! GRAZIE, MAMMA VAR!

45’ + 2’ – SUSO CARO HAI ROTTO LA MINCHIA.
SMETTILA. GRAZIE

 

Intervallo

 

Non so voi, ma io ho già 7 infarti che stanno aspettando il fischio finale per manifestarsi.

 

Secondo tempo

 

2’ – CHE CAZZO FA ASA DI NUOVO2
Ecco l’ottavo infarto che spinge. Lo sento.

9’ – Oh bello ‘sto secondo tempo, davvero.
Qualcuno ha visto la mia melatonina?

11’ – CRPoli! Sei l’unico a farmi esaltare, piccolo Messi del mio cuore.

12’ – Madonna ci pensano Donnarumma e Biglia a farmi sussultare! Rinvio corto e retropassaggio dell’argentino che non si accorge che il suo portiere è 10 metri lontano dai pali.
A momenti quell’assassino si faceva perdonare.

16’ – LA PRENDE VECINO!
Ma si spegne sul fondo.
E niente, fa già male così.

20’ – Palla invitantissima sul limite per Brozo che però la ciabatta con la stessa voglia di quando Perisic lo porta a giocare a beach volley d’estate.

24’ – Esce Perisic ed entra il WannaBeMITT Balde Keita. Mi spiace, caro, ma non sarai mai Karamoh.

25’ – Comunque io sono seriamente preoccupato per Nonno Borja che ormai corre senza sosta da almeno 40 minuti.

28’ – Ma sapete che non sentivo la mancanza di Cutrone?
Ma proprio per niente, eh.

29’ – CRPoli non smette mai di sorprendere.
Primo e unico giocatore nella storia dell’Inter a capire quando bisogna fare un fallo tattico.

33’ – NONNO BORJA NON SOLO VIVE MA TIRA PURE VERSO LA PORTA DEL MILAN

35’ – Dopo un 2° tempo di totale tranquillità, arriva il tipico momento di amnesia difensiva. Skrianiar e De Vrij si dimenticano di Suso che si ritrova solo, a centro-area, con la palla tra i piedi. Il regalo dei nostri centraloni è così generoso però che persino Suso si imbarazza e la passa ad Handanovic.

36’ – Donnarumma infame non si toglie la palla dalla testa di Nonno Borja proprio quando sta per fare il tap-in decisivo.

41’ – Anvedi che il brivido maggiore per la nostra porta arriva da un cross sghembo di Rodriguez che per un pelo non sorprende Handanovic intento a guardare le groupies in tribuna.

45’ + 1’ – Entra Abate. Entra per farci segnare?
MITT A’ MILITO.

45’ + 2’ – MAURITOOOOOOOOO.
MAURITOOOOOO.
ANCORA LUIIIII.
Stavolta Vecino la prende per metterla in mezzo, i difensori del Milan si incartano contro Donnarumma e Maurito solo solo può sbatterla in porta e segnare l’uno a zero.

45’ + 5’ – È finita. È finita. È finitaaaaaaaaa.

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.