Inter-Eintracht il pagellone del giorno peggiore, finora

Marzo 15, 2019

HANDANOVIC 7 : sembra di essere tornati ai tempi d’oro contro il Partizan o il Rubin Kazan.

San Siro mezzo vuoto con annessa invasione di cordiali ultras ospiti, squadra in bambola già dal momento della foto di gruppo e Samir che deve fare i miracoli per evitare la più umiliante delle goleade. 

Bella seratina nostalgica, ci stava. 

D’AMBROSIO 2: Pronti via e un tedesco cerca di far fuori Danilone con un intervento sulla fascia destra. Forse era un fan di Zappa e dei vari MITT.

Ma in Germania forse sono male informati, perché Highlander Danilone si rialza in piedi e finisce la partita. A modo suo, ma la finisce.

DE VRIJ 2: Ignazio Abate (Santa Maria Capua Vetere, 12 novembre 1986) è un calciatore italiano, difensore del Milan, di cui è vice-capitano. È il figlio dell’ex portiere Beniamino Abate. Il 18 giugno 2015 si è sposato con Valentina; la coppia ha tre figli (Diego, Alberto e Milito). 

In alternativa:

Kwadwo Asamoah (Accra, 9 dicembre 1988) è un calciatore ghanese, difensore o centrocampista dell’Inter e della Nazionale ghanese.

SKRINIAR  9 solo per tutte le volte che ci ha incoraggiati con le mani

Almeno qualcuno che veste dignitosamente la maglia c’è. Proprio mentre lo Zio Bergomi schiuma in diretta in telecronaca mentre critica dei giocatori vergognosi e ripensa con nostalgia alla sua vera Inter.

Ho letto delle critiche per un atteggiamento giudicato “pro Juve” da parte di Bergomi. 

Non sono d’accordo, anche con noi si sgolerebbe esultando, il problema è che non gli diamo più le occasioni per farlo. 

CEDRIC 5: Giochi in una competizione in cui nessuno si aspetta che passi il turno, contro una squadra di esaltati che appena giocherà contro la prima squadra forte le prenderà di brutto, non hai nemmeno disfatto i bagagli perché sai che a fine anno ti rispediscono in premier. E ALLORA COSA TI FAI PRENDERE DALL’ANSIA?? Gioca spensierato Cedro, che sei pure bellino..

BORJA VALERO 6: Viene sistematicamente violentato da Gacinovic che approfitta della sua scarsa tenuta fisica. QUESTA SI CHIAMA VIOLENZA SUGLI ANZIANI. CENTODIGIOTTOOOOOOO

VECINO 4.5: La garra di stocazzo 

CANDREVA 1:  …

PERISIC 2: …

KEITA 3: … (Prosegue la riabilitazione guardando direttamente la partita dal campo. Presto tornerà tra i convocati) 

POLITANO: STELLA!  

Polipoli corre come un dannato, da battitore dei calci d’angolo a ultimo uomo e stopper (facciamoci due domande sull’efficacia dei nostri calci piazzati) 

Ha anche l’unica occasione quasi pericolosa in attacco, con un bel tiro che Trapp battezza fuori al grido di STRUNZ STRUNZ STRUNZ.

RIPARTIAMO DA MESSITANO. 

ANDREA RANOCCHIA 10: WHAT ELSE?? 

Nemmeno nelle più rosee aspettative di Ranocchiate ci saremmo mai aspettati di commentare abitualmente una serie di partitacce tragiche con “beh dai però lo avete visto Froggy?”  però dai.. 

LO AVETE VISTO FROGGY???? 

La soluzione a tutti i problemi..Il Capitano <3 

Dispiace uscire così. Ma in fondo anche il Krasnodar era uscito (nonostante il gol del super mitt Suleymanov), quindi una volta che è saltata la trasfertona un po’ tutta la competizione ha perso il senso di proseguire, e non valeva la pena di andare avanti.

ESPOSITO E MEROLA 10: La gioia della Mittanza, una ventata di aria fresca. 

Un grido trattenuto troppo a lungo, finalmente sfogato nella libertà di non uno ma ben due MIIITTTTTTT

A essere onesti non hanno combinato granché in campo, ma bastava semplicemente la loro presenza per ridare a tutti uno slancio nuovo. Non so cosa altro aggiungere,l’emozione è stata troppo grande. 

DOPPIO MITT DI NUOVO NEL DERBY

LUCIANO 5: 

La Primavera è un dipinto a tempera su tavola (203 x 314 cm) di Sandro Botticelli, databile tra il 1478 e il 1482 circa. Realizzata per la villa medicea di Castello, l’opera d’arte è conservata nella Galleria degli Uffizi a Firenze

Appartengo alla categoria di tifoso: “avvocato delle cause perse”. Tra i miei assistiti più famosi spiccano il grande Van der Meyde, Stramaccioni e soprattutto Marko Arnautović. Affetto da “interismo” da quando ho memoria, la malattia si è acutizzata irreversibilmente durante un anonimo campionato sotto la guida di Alberto Zaccheroni.