Inter-Empoli, il pagellone senza Icardi e Perisic

Febbraio 13, 2017

Handanovic 8 Salva il risultato in più occasioni, però siccome lo fa su Maccarone e Krunic non fa notizia. Noi siamo con Handa.

Medel 6: Nella nuova difesa a 3 e mezzo, lui è il mezzo. (Ma solo per l’altezza)

Miranda 6: Continua la sua relazione complicata con il cartellino della diffida. Vogliamo vedere il Canguro Sainsbury a Bologna.

Murillo 6: È ancora in marcatura su Mandzukic da domenica scorsa. Lo ha annullato visto che noi Mandzukic in campo non lo abbiamo visto, e voi?

D’Ambrosio 6: Sparisce nell’intervallo e ci fa ritrovare Ansaldi. A Carnevale ogni scherzo vale.

Ansaldi: “6 …scarso”

Kondogbia 7: Prestazione di qualità, con i no look e l’ammonizione tattica per non saltare la Roma. Furbone. Chissà se Sainsbury sa fare il centrocampista…

Gagliardini 7: Ha una relazione complicata col gol. Ormai sono in attesa del suo primo centro come col primo gol di Batistuta nel 2003.

Joao Mario 7: Tra squalifiche e infortuni, e chi più ne ha più ne metta, per fortuna c’è Joao. Che giocatore.

Eder 8: Non si risparmia e usa tutte le armi a disposizione, soprattutto la panza con cui segna il primo gol, e la quaresismazzione con la trivela.

Palacio 8:  75 minuti di alto livello, soprattutto quando si inventa due assist con gli occhi dietro la testa..ops.. dietro la Trenza.
Nel finale, per essere più trendy e al passo coi tempi, fa anche la scenata per il cambio. Perché nel 2017 è un must. #RODRIGOL

Candreva 7: Spogliatoio spaccato, litiga con Pioli, litiga con Palacio. È Crisi Cadrega, ehm, Candreva

Candreva dopo il gol scatta contro Pioli. La panchina corre a dividerli.
È CRISI.

Gabigol s.v.: Soliti 10 minuti, soliti somberi inutili, solite ovazioni. Sia fatta la volontà di Dio.

Pinamonti s.v.: C’era un ragazzo che come me, amava Pinamonti e Gabigol..

Pioli 10: Fa entrare Gabriel e anche Pinamonti, meglio di così.

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.