Inter – Fiorentina nel tempo di un babà con Danilone

Settembre 25, 2018

PRIMO TEMPO:

1′ – Sono provato dalle ultime partite: spero in una partita tranquilla

4′ – Palo di Mirallas (per gli amici intimi “chi?!”): il belga esplode il tiro da lontano, la palla sbatte sul palo e su Handanovic, ma non entra.

Come non detto. Scusa eh.

7′ – Partita animata, si risponde colpo su colpo

12′ – Erroraccio di Lafont su rinvio, la palla sbatte su diversi giocatori arrivando poi ad Andonio: poi lui, per coerenza, la spara alto.

Sempre detto, a noi le botte di culo ci fanno schifo.

15′ – Ci riprova Mauro, ma Lafont è attento.

18 ‘ – Cominciamo a salire d’intensità: ci prova Perisic con un destro ad incrociare, ma la palla esce di poco larga.

21′ – D’Ambrosio cade in area di rigore dopo un contatto con Mirallas, ma l’arbitro giudica tutto regolare.

Ecco, oggi la VAR gli fa schifo.
Mannaggia a voi mannaggia.

33′ – FATE SAMIR SANTO SUBITO. Miracolo su Simeone.

Mi sei mancato, ci sei mancato.

38′ – Va al tiro Candreva che si esibisce nella sua specialità: il quasi gol.

39′ – Lafont replica ancora: pallone regalato ai nostri, ma Totò gli vuole bene e decide di non segnare ancora.

GENEROSO <3

42′ – VAR! L’hanno chiamata! <3

Totò crossa dalla destra, Vitor Hugo tocca col braccio largo: Mazzoleni chiama il VAR per visionare il tocco.

43′ – RIGORE!

44′ – Tipregomauronunfacazzate.

45′ – MAUROOOOOOOOOOOOO

47′ – Fine primo tempo

SECONDO TEMPO:

3′ – Benassi prova ad essere l’ex del giorno, ma Samir para facilmente.

6′ – Succede di tutto, Chiesa chiede il rigore, Mirallas fa un tunnel e tira.

Alla fine è angolo, per fortuna. Ma se l’ansia è questa, meglio tenere il cardiologo fra le chiamate rapide.

8′ – Pareggio di Chiesa: il viola tira da lontano, la palla viene deviata da Skriniar e si insacca in rete.

Ultimamente prendiamo gol che pure i preti ormai saranno diventati blasfemi. Vabbè.

14′ – Prima rischia di segnarci Pjaca, poi per poco non lo facciamo noi con Icardi.

ANSIA.

16′ – Pjaca tira fuori tutto l’animo da ex Juve e decide di improvvisarsi Robben (pardon, Cerci, quello forte): per fortuna Handa veglia su di noi.

17′ – Qualcuno fermi Chiesa. Sembra indemoniato.

29′ – Milenkovic prova a fare Quagliarella: acrobazia di destro su calcio di punizione.

Ma è Milenkovic per fortuna, quindi la palla esce.

31′ – ALZATI CHIESA!

32′ – DANILOOOOOO! DANILOOOOO! DANILO!!!!

Lo spirito di Maicon si impossessa del guascone più bello di tutta Napoli che tenta una percussione centrale, 1-2 micidiale con Icardi ed e proprio D’Ambrosio ad insaccarla!

33′ – Fermate tutto. Non ha più senso giocare.

36′ – Fosse entrato il tiro di Keita sarebbe venuto giù lo stadio.

43′ – MAMMA CHE ANSIA.

48′ – Finisce qui!

 

 

 

Studio Psicologia, ma all'occorrenza mi improvviso scrittore o video editor: vivo la vita con lo spirito di chi si aspetta l'inaspettato per non avere sorprese ma poi rimane comunque fregato. E già questo spiega perché tifo Inter, ma se non bastasse aggiungo che uno dei miei giocatori preferiti di sempre è Buruk Okan. Costanza, serietà e determinazione sono solo 3 fra i principali pregi che non mi contraddistinguono. Penso che lasciare le cose a metà sia una cosa che