Inter-Samp nel tempo di un caffè e un infarto

Ottobre 24, 2017

PRIMO TEMPO

1′ – Terza partita di fila con gli stessi 11. Non succedeva da 70 anni.

3′ – Tre minuti, tre tiri Samp. Sciocco chi si era illuso di mantenere la stessa concentrazione di Napoli-Inter.

4′ – Candreva si stanca del monopolio di tiri da fuori di Candreva e spara la classica mina dalla trequarti che – stranamente – sfiora di poco il palo.
Non si sarà mica ricordato davvero come si gioca a calcio?

10′- La nonchalance con cui usciamo dalla difesa palla al piede non smette di farmi gorgogliare lo stomaco alla pari del polpettone di zia Rosita.

12′ – Perisic si apre un varco nella difesa Doriana che manco uno schiacciasassi. Peccato che il tiro sia più da lucidaparquet.

13′ – PRIMA DIAGONALE GIUSTA DI NAGATOMO IN PIÙ DI 200 PRESENZE.

17′ – INTER SKRINIAR!
PER UNA VOLTA IL GOL DELL’EX NON LO SUBIAMO NOI

20′ – Tre cross di fila azzeccato da Candreva. Se sto sognando non svegliatemi.

27′ – Palo di Perisic da 40 metri.
Dio non esiste.

29′ – Tiro di Nagatomo da 40 metri. Miracolo di Puggioni.
DIO NON ESISTE PROPRIO.

31′ – MAUROOOOOOOOOOO
MA QUANTO CAZZO STIAMO GIOCANDO BENE?
Secondo gol dell’ex, da parte nostra. Voglio morire ora da uomo felice.

40′ – Altro palo di Maurito.
Questa perpetua sfiga mi preoccupa.

41′ – 40 minuti e nove tiri in porta.
Ma che siamo, il Napoli?

42′ – Nagatomo a Terra. Panico tra i tifosi:
“Oddio, mica entrerà Dalbert?”

46′ – Grosso rischio sul finire del primo tempo. Strano, solitamente in questa circostanza avremmo preso goal.

INTERVALLO

“Va beh, la chiudiamo qui e andiamo a casa?”

Comunque da quando a Icardi sono ricresciuti i Capelli ha ripreso a segnare.

SECONDO TEMPO

55′ – Dopo un inizio più dormiente di mio padre dopo la terza porzione di Peperonata, MAUROOOOOO!

60′ – Solo io inizio a desiderare l’ingresso di Karamoh?

63′ – Traversa di Perisic.
Tre gol e tre legni?
Tutto bene, se non fosse che poi prendiamo il 3 a 1 che riapre la partita.
Beh, non abbiamo preso il gol dell’ex ma il classico gol del signor nessuno non ce lo neghiamo mai.

66′ – Dormita colossale su cui rischiamo il 3 a 2.
UFFICIALE: siamo tornati l’Inter

71′ – Furia dribblomane di Miranda che si perde sul più bello.

76′ – Da quando c’è Skriniar, Miranda è diventato il Murillo della coppia.

82′ – Nagatomo cerca di imitare Samir e metterla nell’angolino. Per fortuna Handa fa buona guardia.

83′ – Standing ovation per Nagatomo. Tutti felici che sia uscito.

85′ – Joao Mario sbaglia in contropiede che nemmeno la mia cuginetta, Candreva regala una palla che neanche il mio cane e giustamente 3 a 2 Samp.
Siamo il solito branco di cazzoni.

93′ – E’ FINITAAAAAAA.
Mio padre giace a terra, colto da un infarto.

 

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.