Juventus-Inter, il pagellone che ha preso due giornate di squalifica

Febbraio 6, 2017

 

Handanovic: prova a emulare Toldo sul calcio d’angolo finale: Due giornate di squalifica (e fallo di confusione).

Murillo: Marcatura a uomo per 90 minuti su Mandzukic (il nuovo Eto’o). Come si permette? Due giornate di squalifica.

Miranda: Somiglia troppo a Joao Mario, confonde l’arbitro. Due giornate di squalifica.

Medel: Ma lo avete visto? Con quella faccia? Due giornate di squalifica.

Gagliardini: Sopravvalutato. Pagato troppo. Due giornate di squalifica.

Brozovic: Prende a calci la panchina. Due giornate di squalifica.

D’Ambrosio: Ruba il posto a Nagatomo e Ansaldi. Due giornate di squalifica.

Kondogbia: Fratello polemico su Twitter. Non bastava Wanda? Due giornate di squalifica.

Candreva: Ah già che era in campo pure lui. Non si è visto. Due giornate di squalifica.

Eder: Non la passa a Perisic. Egoista. Due giornate di squalifica.

Joao Mario: Si perde Cuadrado sul gol. Due giornate di squalifica.

Perisic: Insulta l’arbitro. Non è Pjanic. Non è Higuain. Non è Allegri. Due giornate di squalifica.

Palacio: Con tutto il bene del mondo, non serve più a un cazzo. Niente giornate di squalifica tanto non si vede la differenza.

Icardi: Lancia il pallone all’arbitro. Lo manca. Due giornate di squalifica.

Pioli: Contesta Graziano Cesari nella moviola. Due giornate di squalifica e duecento domande social su Gabigol.

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.