Le notti al tempo della #crisiInter

Le notti al tempo della #CrisiInter

Agosto 27, 2018

23.30
Accartoccio la maglia dell’Inter e mi metto a letto.
Ho allontanato l’idea di bere per dimenticare perché la sbronza triste era lì dietro l’angolo.

00.00
Secondo me l’ho sognato.

00.20
Il panino del tifoso alle 22.45 non è stata una delle mie idee migliori.

00.45
Cosa abbiamo fatto noi interisti per meritarci notti così?

01.30
Ma quello che si stava scaldando ieri era Joao il vero o il finto? Maledetta miopia.

02.30
Ma davvero ha messo dentro DALB?

Wikipedia dalbert

OK.

02.50
Ma, esattamente, come si scrive il cognome di Sime?
Vrsaliko?
Manca qualche lettera mi sa.

03.00
Il Milan è a -1, però. Eh eh.

03.45
Secondo me ci sarebbe servito Rafinha.
Sicuramente non ci sarebbe servito DALB.

04.15
Ma quand’è che la CRISIINTER si può definire tale?
Dovrebbero mettere dei parametri standard o perlomeno un comunicato stampa che avvisa i tifosi, così siamo proprio sicuri di esserci entrati.

04.35
Secondo me si tratta proprio di CRISIINTER.

04.40

gol belotti handa

05.20
DALBERT.

05.25
MAZZARRI, PERCHÉ?

05.30
Il contrappasso di Walterone quando marcirà all’inferno (lo vedreste mai in paradiso o purgatorio?) sarà sicuramente essere frustato da Belfodil e Kuzmanovic.

05.32
Anche da Pereira.

05.50
Vorrei rivedere il gol di Belotti ma probabilmente il mio fisico non lo sopporterebbe.

6.15
SVEGLIA.
Dopo serate/nottate così dovrebbero concedere la malattia.
O quantomeno uno sportello psicologico.
O quantomeno lutto cittadino, insomma, qualcosa.

7.00
‘Un caffè, grazie’.
Ehi, barista, ho detto un caffè, LEVA IMMEDIATAMENTE GLI HIGHLIGHTS DI IERI SERA, HO DETTO LEVALI.
Imperterrito: ‘E Modric dov’è?’
Stai zitto, stai zitto.
BELOTTI 2-1
‘-5 dalla SPAL eheh’
MEITE 2-2
‘Ma mica erano LANTIJUVE?’
Ma guarda, ci avete creduto solo voi.
Schivando il confronto che Handanovic levati, pago il mio caffè e me ne vado.

7.15
Metro.
Ci sono tanti classici da leggere. Se non ti piace il genere puoi buttarti sui thriller.
Anche Focus non è male.
O la settimana enigmistica.
Oppure puoi ascoltare musica.

PERCHÉ MI DEVI LEGGERE LA GAZZETTA DI FIANCO CON LA STESSA ESPRESSIONE GODURIOSA DI MAZZARRI OGNI VOLTA CHE CI INFILA.

Goduria mazzariana

La Rosa lo definisce ‘psicodramma nerazzurro’, il nostro. Per una volta non ho da ridire.
Forse toglierei psico, dramma e basta è più efficace.

7.35
Provo a chiudere gli occhi ma a cullarmi è l’immagine di Lautaro che entra al 91esimo.

7.35
Li riapro.

7.36

8.15
Bar di nuovo.
‘Caffè e brioches, grazie’
‘Signorina, forse oggi il braccialetto dell’Inter lo io avrei lasciato a casa.’
Sorrido pacatamente.
Non lo sa lui che avrei lasciato volentieri il braccialetto a casa, attaccato a mio corpo.
Non lo sa lui che noi interisti durante la CRISIINTER staremmo volentieri a marcire sotto le coperte guardando in loop il cammino Champions 2010.
O anche Lazio – Inter.
Anche se oggi dubito pure che l’abbia presa, Vecino.

8.30
Accendo il pc, si apre di default ANS(I)A.
Serie A: Spal in vetta, Inter nuova delusione
SPAL IN VETTA.
Sono indecisa se definirlo blue o black monday.
Forse LUNEDÌ DI MERDA è il termine più adatto.
Scusate, maggio tra quanto arriva?
E, Dio, perché non sei interista?

Sono arrivata tardi alla mia cresima perché ero al bar di fronte alla chiesa a vedere il derby. Per farmi passare dal pessimismo assoluto all’esaltazione totale mi basta un cross giusto del nuovo terzino. O anche solo un nuovo terzino. Ho un feticismo assoluto verso gli Slavi, con i quali condivido la costanza e la pacatezza d’animo. Santino nel portafoglio: sono convinta di aver passato Procedura Civile grazie al santino di Perisic che avevo in tasca. Citazione preferita: ‘Quando c’era Zlatan...’