Brozovic samp inter caffè

Samp-Inter nel tempo di un alcolico biondo che fa impazzire il mondo

Settembre 22, 2018

Primo tempo

0′ – Tonino! Ci si rivede a sinistra, eh.

1′ – Ma com’è che ogni anno temo Quagliarella più di quello precedente?
Non faccio nemmeno in tempi a ricordarmi della sua presenza in campo che il nostro amicone tenta subito l’eurogol in rovesciata.

2′ – Candreva mette subito a dura prova la pazienza di tutti con il primo tiro dai 35 metri.

5′ – Siamo riusciti a uscire dalla mostra metacampo?

10′ – Asamoah si fa impossessare dallo spirito del panchinato Dalbert e sbaglia un passaggio che alla Juve nemmeno in allenamento. Ripartenza Samp con tiro di Linetty deviato da D’Ambrosio che si spegne a un centimetro dal palo.
Handa, tranquillo, battezza la traiettoria.

12′ – Le prestazioni dell’Inter paiono calare di pare passe con quelle dello streaming di DAZN.

21′ – Fortunatamente sembra che Asa non abbia dimenticato come faceva le diagonali a Torino.

27′ – La domanda che mi circola in testa da una decina di minuti è: ma, prima della fine dell’anno solare, riusciremo a trovare un nostro uomo su cross?

32′ – LA PRENDE VECINOOOOOO.
Ma va sopra la traversa.
Comunque cross riuscito = 1.
Obiettivo stagionale raggiunto.

35′ – L’HA RIPRESA VECINO.
Ma ancora una volta non è entrata in porta.

38′ – Colgo uno stralcio di una frase del telecronista:
“… Il sostegno di Candreva.”
Un brivido freddo mi percorre il corpo.

42′ – NAINGGOLAN!
NAINGGOLAN!
NAINGGOLAN!
Si coordina in un fazzoletto e la mette nell’angolino rendendola imprendibile per Audero e facendo il classico gol che avrebbe fatto all’inter per l’Inter.

45′ – E niente.
Ci annullano un gol per un Fuorigioco non ben compreso che in confronto quello di Inglese era una dichiarazione di guerra.
Ti amo arbitro.
Ti amo var.
Ti amo campionato.

 

Secondo tempo

5′ – Candrevaaaaaaa.
Palo incredibile di Tonino che per un momento sembra davvero voler tornare io giocatore che avevamo ammirato alla Lazio.
La dea bendata si ricorda che Tonino ha imposto il divorzio alla ex e devia la palla sul palo.

11′ – Ancora Tonino che mette il suo primo bel cross dalla trequarti in tutta la sua carriera interista. Colpo di testa Icardi e senso di sconfitta sempre più imminente.

18′ – Oramai siamo in pieno controllo della partita.
Il che l’ha resa lenta e noiosa.

21′ – E se fosse il momento di inserire JOAO?
#MITT

23′ – Colpo di testa di Skriniar poco alto sopra la traversa. Dimenticate il Tottenham, è sempre più #Crisinter.

24′ – Gran palla di Nainggolan per Candreva che al volo centra per la seconda volta nella stessa partita la porta avversaria.
Il signor Audero si ricorda di essere cresciuto nella Juventus e si improvvisa Sorrentino.

25′ – Sono commosso.
Per la prima volta esce Candreva e quasi mi dispiace.

28′ – Gran palla in mezzo di Perisic, ma Keita, ancora confuso dalla posizione di falso nueve assunta nelle ultime partite, va a ostacolare Icardi che non riesce a colpire bene.
Palla fuori di pochi centimetri.

30′ – Pardo ci tiene a sottolineare che la Samp non tira in porta da un quarto d’ora.
Quagliarella lo sente e sfiora l’incrocio con una mina da 30 metri.

34′ – Ekdal redivivo ricorda i bei tempi di Cagliari e Mazzarri, salta tre uomini e a momenti va in porta.
Qui si suda freddo..

40′ – Mischia in area dopo un calcio d’angolo e bomba di Skriniar che manca la porta non di molto.
Mai una volta che il gol dell’ex lo facciano i nostri.

41′ – Succedono cose confuse di cui non ho memoria.
O forse perché è solo che non voglio parlare che ci siamo visti annullare un altro gol dal VAR.
Voglio piangere.

43′ – Nel frattempo mezzo metro impedisce a Defrel di punirci del tutto e di dare inizio a una nuova e più grande #Crisinter.

45′ +3′ – BROZOOOOOOOOOOO.
ANNULLATECI ANCHE QUESTO!
ANNULLATECI ANCHE QUESTO!

Nel frattempo Spalletti si fa espellere per aver esultato verso il terzo uomo.
In realtà si vede abbastanza che è stata fatta verso la telecamera, verso lo spettro del#Crisinter.

Ma a noi ci piace comunque pensare che tu sia un piantagrane, Luciano.
Ben fatto.

Spalletti samp inter

Amo i giocatori capaci di illudermi nel profondo. Da bimbo ero follemente innamorato di Sérgio Conceição, e quando uno vive un amore tanto folle e intenso non si riprende mai del tutto. Ho tentato di colmare il vuoto lasciato dal portoghese con nomi del calibro di Georgatos e Dalmat finché non ho trovato pace quando è arrivato Froggy. Al momento sono l’unico possessore mondiale della maglia speciale del derby “Dalbert 29”.