Tutti pronti?

Agosto 12, 2018

Cari amici di Ranocchiate, mi siete mancati, ci siete mancati.
E’ stata un’estate strana, vero? Ci siamo salutati con talmente tanto entusiasmo che sembrava un po’ come quando, alle 4 del mattino, saluti con “la morte nel cuore” gli amici della combriccola dopo una nottata di prese per il culo e risate: lo si fa, ma controvoglia.

E rieccoci qui, a non esserci mai salutati del tutto: noi siamo sempre noi, ma le cose sono cambiate davvero tanto.

Ad esempio, due dei nostri sono stati fra i condottieri di una Croazia più agguerrita delle vecchiette in coda alla posta il primo del mese.
Ed uno dei due era Sbronzovic, ormai un uomo rinato sotto una luce completamente nuova. 



Marcè, una volta non ti avrei affidato nemmeno una matita, oggi ti affiderei il mio futuro primogenito senza battere ciglio!

Nel frattempo, con nonchalance, abbiamo tesserato a parametro zero De Vrij ed Asamoah.
Non contenti, abbiamo speso circa 20 milioni di euro per un ragazzino argentino, LauToro Martinez. Quanto sei bello Lautaro <3.

Piccola pausa e poi un’operazione da applausi con Nainggolan: non tanto per lui che è fortissimo, ma perché siamo riusciti a far valutare Santon 9.5 milioni dopo che la scorsa stagione non ha giocato.

E no, non mi sto sbagliando.
Due cose non sono mai successe lo scorso anno per quanto mi riguarda: Santon non ha mai giocato e quell’altro, il terzino ex Valencia, non lo nominerò mai più. Non è esistito.

Ragazzi, ma che cazzo abbiamo fatto di male al Portogallo?
Il loro re, sua maestà Cristiano Ronaldo va a giocatore coi carcerati, quell’altro ci tradisce per loro…ci lasciano Joao Mario…ma dai!


Pazienza, almeno non vedremo più Kondogbia.

Altre partenze hanno invece fatto male: salutare Panzerotto e Nagatomico è stato davvero difficile, non l’ho ancora superata del tutto.

Fino ad ora, comunque, è stato un mercato talmente tanto bello da farmi avere il terrore che spunti fuori qualcuno con il telone di “Scherzi a Parte”, dicendomi che in realtà abbiamo preso di nuovo Schelotto.

Dulcis in fundo, prendiamo Politano, Vrsaljiko forse anche Keita.
Forse Candreva va via, forse no. Lui è come in campo, solo che lì è “forse tiro, forse crosso.”

E siamo sazi. Stiamo bene. Farei giusto un #ripigl, ecco, come un ammazzacaffè dopo una scorpacciata, fondamentale per riprendersi.

Ma Piero quest’anno è dopato, si tratta ad oltranza per MODRIC.

E’ qui che vedo che il vento è cambiato: in Serie A arriva Ronaldo e, come se non bastasse, forse anche Modric. 

Forse, Luka vuole scegliere proprio noi.
Pazienza se non accadrà, ci saremo comunque ripresi ciò che è nostro.

Mannaggia la puttana mancano ancora 5 giorni alla fine del mercato e all’inizio di un nuovo campionato.

Ho l’ansia. Abbiamo tutti l’ansia.

Bella questa Inter, bella pure questa Serie A.

Tutti pronti?

Aspirante psicologo, inguaribile romantico, di fede interista (Javier Zanetti: ora pro nobis). In questo strano mondo dove tutti si prendono troppo sul serio, mi piace raccontare le cose e le persone osservandole con l’occhio di chi, troppo sul serio, non ci si è preso mai. Se mi dici “si vede dalla faccia che sei interista”, ti sorrido e ti offro anche un caffè.